ACNE? ECCO COME LIBERARSENE

LA COMPARSA DELL’ACNE

acne, pelle grassa

L’ acne è un problema tipicamente giovanile, in alcuni casi però, questo spiacevole problema può manifestarsi anche in età adulta. Sappiamo bene quanto sia fastidiosa l’apparizione di pustole ed impurità sul viso, difficili da nascondere ed estremamente spiacevoli a qualsiasi età. L’acne giovanile interessa soprattutto le ragazze a partire dagli 11 anni, mentre per quanto riguarda i maschietti, solitamente il problema sorge più tardi. Si tratta di una fase di crescita che non risparmia quasi nessuno.

QUALI SONO LE CAUSE?

Soprattutto durante la fase adolescenziale, si producono degli ormoni steroidei chiamati “androgeni”. Questi ormoni causano un sensibile incremento nella produzione di sebo nelle ghiandole sebacee. L’eccessiva produzione di sebo è la causa scatenante dell’acne, ma non l’unica! É molto probabile che il problema sia generato da una predisposizione genetica: anche se l’acne non è di per sè ereditaria, è possibile che ci siano dei collegamenti genetici per quanto riguarda la grandezza e la produzione di ghiandole sebacee. Anche l’andamento ormonale altera la produzione di sebo, ecco perchè prima del ciclo mestruale è possibile notare un peggioramento del disturbo con la comparsa di nuovi foruncoli.

COS’É L’ACNE?

Si tratta di una malattia infiammatoria che riguarda le ghiandole responsabili della produzione di sebo. Aumentando la produzione sebacea, i condotti delle ghiandole si ostruiscono, generando un accumulo di elementi  sempre maggiore. Questa situarzione è molto favorevole alla proliferazione di batteri che vanno ad infiammare le ghiandole.

LE DIVERSE TIPOLOGIE

Esistono 3 tipologie principali di acne: l’acne comedonica, l’acne papulo-pustolosa e quella conglobata.

L’acne comedonica è la forma acneia più leggera. Tale disturbo è caratterizzato dalla comparsa di comedoni, conosciuti come “punti neri”, generalmente causati da una pelle impura. I punti neri sono il risultato dell’accumulo di sebo, cellule morte e materiali di scarto nell’epidermide.

L’acne papulo-pustolosa è invece caratterizzata da noduli e pustole infiammate. Spesso questo disturbo è più frequente nei soggetti di sesso femminile e tende a svilupparsi anche su zone del corpo come schiena, spalle e decoltè.

L’acne conglobata è la forma cronica più grave tra quelle elencate. É caratterizzata da fastidiose cisti e fistole sottocutanei  che causano dei rush cutanei infiammati. Purtroppo è molto probabile che, se non curata in tempo, l’acne conglobata lasci delle cicatrici sulla pelle.

COME LIBERARSENE?

Abbiamo detto che l’acne è una malattia della pelle non contagiosa. Fortunatamente esistono moltissimi prodotti efficaci e naturali per contrastare questo disturbo. Innanzitutto è necessario che il soggetto affetto collabori pienamente con il dermatologo e l’estetista di fiducia. In che modo? Seguendo alla lettera le loro indicazioni riguardo una corretta e costante pulizia del viso e l’applicazione di prodotti adatti alla tipologia del problema. Non è da sottovalutare l’alimentazione: il consumo di cibi ricchi di zuccheri, alimenti grassi,  fritture, cioccolato, bevande alcoliche e in generale alimenti con alto indice glicemico, possono causare il peggioramento del disturbo. Quindi seguire una dieta sana e bilanciata è veramente importante, fattore da assolutamente non sottovalutare per il mantenimento di un’aspetto sano e bello.

Ovviamente le terapie richiedono tempo e pazienza, ma i risultati saranno visibilmente apprezzabili già dopo le prime settimane. Sarà necessaria la rimozione dei comedoni o punti neri, e dei foruncoli. Questa fase potrebbe risultare fastidiosa e dolorosa, ma assolutamente necessaria. Successivamente sarà opportuno ostacolare la formazione di nuove pustole infette, qui ci sono molti prodotti che possono venirci in aiuto. Ovviamente sarà necessario seguire con precisione le indicazioni del dermatologo e magari aiutarsi con un prodotto coadiuvante, come un gel leggero all’ aloe vera.
Attenzione alle cicatrici, se siete affetti da una forma d’acne fitta e persistente, rimuovere le pustole potrebbe lasciare dei segni indelebili sulla vostra pelle. É necessario mantenere la pelle sempre idratata, prestando attenzione a non ungerla.

Etichettato , , , , , ,

Lascia un commento